CATEGORIE

Regala una Gift Card Per il Bambino
Per la Mamma
Liste Regalo
Bebu¨
Regala una Gift Card
Abiti e vestitini
Scarpine e calzine
Accessori per capelli
Cappelli, sciarpe
Pappa
Altro
Borse ed accessori
Bandane e foulard
Mamma e figlia
Mamma e figlio
Altri giochi
Bambole
Peluche e doudou
Giochi in legno
Collezionismo
Giostrine da appendere
Bracciali
Orecchini
Collane
Anelli
Nascita
Battesimo
Compleanno
Comunione
Culle
Fasciatoi
Quadri ed illustrazioni
Porta pannolini
Altro
Tappeti
Cornici e portafoto
Cuscini
Carnevale
Halloween
Altro
Libri
Zaini ed astucci
Altro
Inviti e bigliettini
Cake topper
Addobbi
Primo Compleanno
Halloween
Santo Natale
Epifania
Festa del PapÓ
Festa della Mamma
Pasqua
Bavaglini
Copertine
Lenzuola
Borse e contenitori
Fiocchi nascita
Torte di pannolini
Album nascita
Idee regalo
Bagnetto
Catenelle e portaciucci
Fasce e mei tai
Cuscini allattamento
Pannolini lavabili
Altro
Stoffe e tessuti
Lana e filati
Articoli di cartoleria
Articoli per la pittura
Libri e manuali
Schemi e tutorial
Accessori foto baby
Felpe e Maglie
T-shirt e Canotte
Camicette, Top e Tuniche
Abiti
Gonne
Pantaloni Jeans e Short
Giacche e Soprabiti
Cappotti e Giubbotti
Intimo e Costumi
Sciarpe e Foulard
Cappelli e Guanti
Accessori per capelli
Portachiavi e Ciondoli
Pins
Altri accessori
Borse e zaini
Astucci e Borsine
Portamonete e Portafogli
Custodie e Astucci
Beauty Case
Varie
Bracciali e polsini
Ciondoli
Spille
Collane
Orecchini
Anelli
Collane allattamento
Borse
Pochette
Borsa a mano
Cappelli
Home ╗ Il blog ╗ Partita Iva, quanto mi costi?

Cerca

SEGUICI SU FACEBOOK

Archivio

Partita Iva, quanto mi costi?

Blog » Consigli per le crafter » Partita Iva, quanto mi costi?

Partita Iva, quanto mi costi?

09/03/2017

Consigli per le crafter

Ciao Crafter,
nello scorso articolo, che troverete a questo link
( Sono una creativa… hobbista o professionale? ), vi ho aiutato a comprendere quando ci si può considerare hobbiste e quando invece è necessario aprire la partita iva. Se avete utilizzato questi giorni per pensare a quanto detto nello scorso appuntamento e siete arrivate alla conclusione che i vostri “affari” vanno benino e in voi cresce sempre di più l’idea di iniziare a “fare le cose sul serio”, ecco che siete nel posto giusto, perché in questo articolo cercherò di riassumervi quelli che sono i costi che ad oggi un soggetto deve affrontare per avviare una propria attività artistico/professionale o anche commerciale.

Quali sono i costi per l’apertura della partita IVA?
In linea di massima, aprire la partita IVA non comporta il sostenimento di ingenti costi iniziali, in quanto occorre semplicemente presentare una richiesta presso il competente Ufficio dellʼAgenzia delle Entrate mediante la compilazione di un apposito modello AA9 (per le persone fisiche). Il modello in oggetto può essere presentato direttamente dal richiedente oppure tramite un professionista incaricato.

I costi sono invece connessi alla iscrizione in Camera di Commercio da effettuarsi tramite comunica per le ditte individuali e gli artigiani (come anticipato nel precedente articolo, i liberi professionisti non sono tenuti all’iscrizione in camera di commercio)
Gli esercenti attività di impresa (ditte individuali e artigiani), infatti, oltre allʼapertura della partita IVA, hanno lʼobbligo di iscriversi alla Camera di Commercio. Lʼinizio dellʼattività, in questo caso, è subordinato alla presentazione di un modello chiamato ComUnica, alla competente Camera di Commercio, che consente di assolvere gli adempimenti richiesti dai vari enti con unʼunica trasmissione.

Infatti ComUnica è necessaria:
- Ai fini amministrativi, per l'iscrizione al Registro delle imprese e al SUAP (Sportello Unico delle attività Produttive) per le attività soggette a SCIA (ad es. e-commerce, negozi in genere, etc)
- Ai fini fiscali per l'ottenimento della partita iva
- Ai fini assistenziali e previdenziali, per l’iscrizione all’INPS e all’INAIL;

Un requisito obbligatorio per poter inviare ComUnica, è possedere un indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC) necessario per ricevere le comunicazioni dai vari Enti. Lʼiscrizione in Camera di Commercio, quando non sono necessarie particolari formalità, generalmente comporta i seguenti costi:

Diritto annuale: € 57,00
Diritti e bolli: € 35,50

Abbonamento annuale Posta elettronica certificata: circa € 10,00 l’anno

Uno dei principali vantaggi dellʼapertura della partita IVA consiste nel poter dedurre dai ricavi o compensi i costi inerenti la propria attività secondo regole ben precise. Per le attività quali quelle di libero professionista o di artigiano, lʼimporto sul quale vengono calcolate le tasse (reddito) è dato dalla differenza tra compensi percepiti o ricavi incassati e spese sostenute nel periodo di imposta.

Tale differenza determina il reddito che sarà assoggettato allʼIRPEF (imposta sul reddito delle persone fisiche), ovvero unʼimposta progressiva che aumenta in modo più che proporzionale rispetto allʼincremento del reddito ed è dovuta per ciascun anno sulla base di unʼapposita dichiarazione (MODELLO UNICO). Oltre all’IRPEF, il reddito, è soggetto alle addizionali comunali e regionali nonché allʼIRAP.

Dal punto di vista previdenziale, la forma giuridica incide in maniera cospicua.
Come Ditta Individuale si versano annualmente € 3.668,99 di contributi fissi che coprono un minimale di circa €15.548 di utile (quindi sarà necessario versare una quota di circa 3.700 euro a prescindere dal reddito percepito nell’anno);
Superata questa soglia (cioè sullʼutile eccedente questi €15.548) si pagherà in forma percentuale con unʼaliquota di circa il 23% (fino ad una soglia di circa €46.123 oltre la quale si verserà il 24% circa).

Lʼiscrizione alla gestione separata INPS (per i professionisti senza cassa) prevede il versamento di contributi per un importo pari al 27,72% dellʼutile conseguito (ovvero Compensi/ricavi –Costi = Imponibile previdenziale). Da segnalare che il professionista iscritto alla gestione separata ha la facoltà di inserire in fattura una rivalsa del +4% del suo compenso lordo (quindi possiamo dire che una parte dei contributi previdenziali sono, di fatto, immediatamente pagati dal cliente). L’iscrizione alla gestione separata inps, quindi, non prevede il versamento di un contributo minimo!

Quando devo iscrivermi all’INAIL?
In alcuni casi, per le attività di particolare natura o rischio potrebbe essere obbligatoria lʼiscrizione allʼINAIL (come ad esempio per gli artigiani). In tal caso occorre fare una comunicazione telematica di inizio attività e versare annualmente un premio assicurativo che varia a seconda dellʼattività svolta.

Esistono regimi fiscali agevolati?
Una valutazione di fondamentale importanza, anche in termini economici,
consiste proprio nella scelta del regime fiscale. La legge di stabilità 2016 ha previsto un regime fiscale agevolato, sia per imprenditori che professionisti grazie al quale si ha un enorme risparmio di imposte e contributi.

Ma di questo, vi parlerò nel prossimo appuntamento, nel qual vi illustrerò tutti i vantaggi e “controindicazioni” del regime di vantaggio. Buone creazioni a tutte.....

Tutto Chiaro?
Per qualsiasi dubbio potete scrivermi nei commenti sotto o in privato.


Dott.ssa Giuseppina Manzo
Dottore Commercialista e Revisore legale;
Mamma, moglie e "project mammager" di Bebuù


Profilo facebook: www.facebook.com/GiusyBebuu
 

Sei un'ostetrica, un pediatra, un educatore dell'infanzia, un logopedista, uno psicologo infantile, un nutrizionista, insomma un esperto nel mondo dell'infanzia e hai la passione per la scrittura? Bebuù sta cercando proprio te per la sua nuova rubrica: la parola agli esperti! Ti aspettiamo! Scrivici una mail ad info@bebuu.it per avere maggiorni informazioni.

Precedente

Cerca

SEGUICI SU FACEBOOK

Archivio

Loading…